Sorgenti dati e studi interessanti

Introduzione

In questa pagine troverete link a sorgenti dati, a studi che mi sono piaciuti o a articoli che reputo interessanti. Chi legge tenga presente che questo lavoro non ha nessuna pretesa di scientificità, non è revisionato da altri e contiene solo pareri ed opinioni personali.

Dashboard con informazioni pronte all’uso

Dati

  • I dati in formato machine readable pubblicati giornalmente dal Dipartimento della Protezione Civile sono qui: COVID-19 Italia - Monitoraggio situazione
  • Questa fonte dati (wikipedia) riporta il dettaglio giornaliero, per regione. I dati non sono esattamente machine readable ma sono comunque interessanti.

Analisi

Analisi con codice condiviso

  • COVID-19 epidemiology with R è un lavoro fatto 2020-03-05 da Tim Churches. Tim Churches è Senior Research Fellow presso la UNSW Medicine South Western Sydney Clinical School e Health Data Scintist presso l’Ingham Institute for Applied Medical Research, anch’esso situato a Sydney. Cita le sorgenti dati e pubblica il codice della analisi. Tra le varie cose, a me che non ho un background in epidemiologia, è sembrato interessante il calcolo dell’instantaneous effective reproduction ratio e i vari fit della progressione della malattia.
  • Sempre restando in ambito R mi è stato segnalato questo lavoro: COVID-19 Data Analysis with Tidyverse and Ggplot2 - China. Anche in questo caso è possibile utilizzare il codice per fare analisi sui propri dati.

Articoli e lavori scientifici

  • Cito direttamente dalle conclusioni riportate in questo articolo del 2007: “La presenza di un vasto archivio di virus simili a SARS-CoV nei pipistrelli, insieme alla cultura del consumo di mammiferi esotici nella Cina meridionale, è una bomba a orologeria”. Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus as an Agent of Emerging and Reemerging Infection. Vincent C. C. Cheng, Susanna K. P. Lau, Patrick C. Y. Woo, and Kwok Yung Yuen, Clinical Microbiology Reviews, Oct. 2007, p. 660–694 Vol. 20, No. 4 doi:10.1128/CMR.00023-07.
  • Perché l’inquinamento da Pm10 può agevolare la diffusione del virus. La correlazione evidenziata dall’analisi dei dati delle Arpa congiunta ai numero dei contagiati: il Pm10 agirebbe da vettore del virus di M.Cristina Ceresa
  • No, mi spiace, l’età non c’entra nulla. Ci sono zone in Italai dove l’età media è molto più alta di quelle che si ha nelle zone più colpite eppure lì il virus non è così micidiale: Contagi e anziani, ecco dove il coronavirus rischia di provocare più vittime di Davide Mancino
  • Aerosol and Surface Stability of SARS-CoV-2 as Compared with SARS-CoV-1. Lettera pubblicata il 17 marzo 2020 sul New England Journal of Medicine (doi: 10.1056/NEJMc2004973). Van Doremalen, Bushmaker e Morris espondo i loro risultati relativamente a quanto tempo resiste il virus in aria e sulle superici.